Petto di pollo, se ha questi segni non acquistarlo: la verità dietro la carne “malata”

Daniela Paolucci

Se il petto di pollo ha questi segni, non comprarlo. Questi segni indicano che la carne potrebbe non essere sana e compromettere la tua scelta di alimentazione.

Petto di pollo segni
Petto di pollo

I supermercati, templi della convenienza e della vasta offerta, sono spesso scelti per facilitare le nostre vite quotidiane. Ma dietro l’apparente comodità si nasconde un dettaglio che potrebbe sfuggire alla nostra attenzione: l’acquisto di petto di pollo potrebbe rivelarsi meno saggio di quanto sembri inizialmente. In particolare, un fenomeno noto come “white striping” può influenzare la qualità della carne di pollo disponibile nei grandi magazzini, svelando al contempo la sofferenza cronica degli animali negli allevamenti intensivi.

Petto di pollo, cos’è il white striping

Il “white striping” è una condizione degenerativa che colpisce i polli d’allevamento, soprattutto quelli geneticamente selezionati per crescere rapidamente e sviluppare petti più grassi. Queste strisce bianche di tessuto adiposo, apparentemente innocue dal punto di vista estetico, sono in realtà indicatori del benessere compromesso degli animali. Questo fenomeno, spesso sottovalutato dai consumatori, può influenzare significativamente la composizione chimica della carne di pollo.

La carne proveniente da polli affetti da “white striping” contiene una maggiore quantità di grasso rispetto alle proteine magre, incidendo notevolmente su sapore e consistenza. Questo solleva preoccupazioni non solo per il benessere degli animali negli allevamenti intensivi, ma anche per la salute dei consumatori che potrebbero non essere consapevoli dei rischi associati a questa condizione.

Petto di pollo
Petto di pollo

Scegliere con attenzione: consigli per un acquisto consapevole

Per evitare di portare a casa carne di pollo compromessa dal “white striping”, è cruciale prestare attenzione ai segni evidenti su petti con strisce bianche di tessuto adiposo parallele alle fibre muscolari. Optare per polli provenienti da allevamenti che seguono pratiche di crescita più etiche può contribuire a garantire una carne di migliore qualità.

Inoltre, la convenienza spesso ha un prezzo più alto nei supermercati. Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, il pollo venduto in questi grandi magazzini può risultare più costoso rispetto a opzioni disponibili presso macellerie o pollerie locali. L’acquisto di un pollo intero e il successivo sezionamento a casa possono non solo rappresentare un risparmio fino al 30%, ma anche un modo per garantire la qualità della carne e sostenere pratiche di allevamento più sostenibili.

Le etichette dei prodotti nel reparto carne dei supermercati spesso contengono diciture fuorvianti. Ad esempio, la menzione “allevato senza ormoni” può ingannare, poiché l’uso di ormoni è comunque vietato. Allo stesso modo, l’indicazione di pollo “allevato a terra” non implica necessariamente che l’animale abbia vissuto all’aperto, ma solo che non è stato tenuto in gabbia.

Leggere attentamente le etichette è fondamentale, poiché forniscono informazioni dettagliate sulla provenienza e sulle pratiche di allevamento.

Impostazioni privacy