Meglio l’insalata in busta o sfusa? Forse fino a oggi hai sbagliato, meglio non farlo più

Floriana Vitiello

Molti di noi scelgono le insalate confezionate per risparmiare tempo, soprattutto nei giorni feriali quando siamo di fretta. Ma sappiamo cosa contengono realmente queste bustine? Sono pericolose per la salute?

In un’epoca in cui tutti cercano di coniugare risparmio di tempo e alimentazione equilibrata, le insalate in busta sembrano essere delle vere e proprie alleate. Pronte all’uso, permettono di aggiungere una porzione di verdura senza passare 45 minuti in cucina a sbucciare, lavare e cuocere il cibo. Ciliegina sulla torta: le insalate confezionate sono già lavate in modo che i consumatori abbiano il minimo da fare per prepararle.

Insalata in busta: fa male?
Insalata in busta o fresca? – Lafuriaumana.it

Anche così, molte persone continuano a sciacquare l’insalata confezionata per precauzione. È davvero necessario? Le insalate in busta vengono lavate con acqua clorata. Non preoccuparti, si tratta di una piccola quantità di cloro, quasi la quantità presente nell’acqua corrente che scorre dai nostri rubinetti. Successivamente non viene messo in un sacchetto così com’è, ma viene abbondantemente risciacquato con acqua ghiacciata.

Per 1 kg di insalata in sacchetto vengono utilizzati dai 20 ai 30 litri di acqua. Tutto è pronto per eliminare terra, batteri e altri elementi patogeni che potrebbero trovarsi sulle foglie dell’insalata. Ci poniamo anche la questione della lavorazione per insalate biologiche in busta. Infatti, il regolamento della denominazione biologica impone di non utilizzare cloro. Senza cloro l’insalata viene pulita bene? Questa pulizia alternativa può mettere a rischio la nostra salute?

Insalate in busta: siamo sicuri che non siano dannose?!

Le insalate biologiche confezionate vengono sciacquate accuratamente. Per ottenere risultati convincenti come se utilizzassimo il cloro, i produttori utilizzano molta acqua: circa 100 litri per 1 kg di insalata biologica confezionata. Nessun rischio per la salute quindi, ma un grande impatto sul pianeta.

Insalata in busta o fresca: quale scegliere?
Insalata in busta – Lafuriaumana.it

Il rischio reale è perdere sostanze nutritive. Infatti, alcune vitamine (come la vitamina C) sono idrofobiche. Vengono eliminate a contatto con l’acqua. Lavare troppo può quindi eliminare alcuni nutrienti, ma questo vale anche a casa quando metti a bagno l’insalata in una miscela di acqua e aceto bianco per 10 minuti. Tuttavia, le perdite rimangono minime rispetto al beneficio fornito.

È meglio mangiare un’insalata in busta piuttosto che non mangiare verdure. Circola un altro preconcetto: quello secondo cui l’insalata in busta conterrebbe candeggina. Non è così. Si lava solo, come abbiamo detto, con acqua e cloro. Inoltre non contiene conservanti.

Se l’insalata in busta si conserva circa 8 giorni (chiusa) contro i 3 di un’insalata sfusa, è semplicemente perché è protetta dall’aria ambiente che può accelerarne la scadenza e l’ossidazione.

Ma una volta aperto il sacchetto, rimane esposto all’aria e si deteriora molto velocemente, soprattutto se lo si lascia macerare nel suo sacchetto di plastica. Consumalo velocemente dopo l’apertura.

Impostazioni privacy