Assegno di assistenza di 314 euro al mese: chi lo riceve dall’INPS e come fare per ottenerlo

Floriana Vitiello

Alcuni possono ricevere l’assegno di assistenza del valore di 314 euro al mese. Scopriamo a chi spetta e come ottenerlo.

L’INPS ha fatto sapere che gli invalidi hanno la possibilità di accedere ad un assegno mensile che può arrivare fino a 314 euro. Stiamo parlando del cosiddetto assegno di assistenza. Per ottenerlo è necessario rispondere a determinati requisiti e specifiche condizioni.

l'assegno di assistenza del valore di 314 euro al mese
L’assegno di assistenza di 314 euro – Lafuriaumana.it

L’assegno mensile di assistenza è una prestazione economica che viene riconosciuta in seguito alla presentazione di una domanda inoltrata dal soggetto interessato. Per poter accedere all’assegno mensile di assistenza è necessario che il soggetto affetto da invalidità si sia visto riconoscere una riduzione parziale della capacità lavorativa, compresa tra il 74 e il 99%. Ma questa non è l’unica condizione da rispettare per poter ottenere l’assegno di assistenza.

Assegno di assistenza: fino a 314 euro al mese per alcune categorie di invalidi

Gli invalidi a cui è stata riconosciuta una ridotta capacità lavorativa, compresa tra il 74 e il 99%, hanno diritto ad accedere all’assegno mensile di assistenza. Ulteriore condizione necessaria per ottenere l’importo di circa 314 al mese è quella di avere un reddito inferiore alle soglie previste dalla legge attualmente in vigore.

Assegno di assistenza
L’assegno mensile di assistenza è corrisposto per 13 mensilità – Lafuriaumana.it

L’assegno è riconosciuto agli invalidi parziali che hanno un’età compresa tra 18 e 67 anni e che soddisfano anche specifici requisiti sanitari e amministrativi.

Insomma per poter accedere all’assegno mensile di assistenza che viene corrisposto per 13 mensilità occorre:

  • avere un’invalidità compresa tra 74 e 99%.
  • Avere un reddito che non sia superiore alla soglia stabilità ogni anno dalla legge che, per il 2023, è pari a 5.391,88 euro.
  • Non svolgere alcuna attività lavorativa.
  • Avere età compresa tra 18 e 67 anni.
  • Essere in possesso della cittadinanza italiana.
  • Avere la residenza stabile e abituale sul territorio italiano.

L’assegno mensile di assistenza è riconosciuto anche se l’invalido è ricoverato in un istituto pubblico. Tuttavia, questa misura economica non è compatibile con alcune prestazioni, ad esempio quelle concesse in seguito ad un’invalidità contratta per cause di guerra lavoro o di servizio. L’incompatibilità si verifica anche per le prestazioni dirette di invalidità a qualsiasi titolo, erogate dall’assicurazione generale obbligatoria per l’invalidità, la vecchiaia e i superstiti dei lavoratori dipendenti.

Per poter ottenere l’assegno è necessario presentare una domanda in cui devono essere inseriti anche i dati socio-economici per le ragioni sopra specificate. La domanda può essere presentata tramite il portale dell’Istituto previdenziale o mediante raccomandata oppure all’indirizzo di posta elettronica certificata.

Impostazioni privacy