Pc lento, non devi sostituirlo: ti basta solo questo sistema per risultati mai raggiunti prima

Fabio Scapellato

Se il tuo PC va lento non è detto che ci sia bisogno di cambiarlo, può darsi che tu non lo stia utilizzando al meglio: il sistema per velocizzarlo.

I fattori per cui un PC comincia a rallentare o a non riuscire a gestire i carichi di lavoro che gli richiedi possono essere molteplici, ma nella maggior parte dei casi il problema è una cattiva gestione della memoria ram o dello spazio nell’hard disk. Se vi siete accorti che nell’ultimo periodo il vostro computer fatica, magari perché lo avete messe sotto pressione con carichi di lavoro più intensi, non è detto che dobbiate cambiarlo.

Come velocizzare un PC
Se il PC va lento non è detto che tu debba buttarlo: ecco la soluzione – lafuriaumana.it

Prima di andare alla soluzione drastica dovete valutare alcuni fattori, ad esempio l’età del PC che state utilizzando, le sue caratteristiche tecniche – dunque il processore, la ram e l’hard disk – e in ultima analisi l’utilizzo che ne state facendo. Controllare le caratteristiche dalle info sul sistema, dunque andate a controllare la memoria fissa disponibile (lo spazio rimasto nell’hard disk) e infine le percentuali di utilizzo di ogni componente.

Quest’ultimo passaggio lo potete effettuare aprendo il task manager con la combinazione di tasti ctrl+alt+canc e selezionando la voce “Gestione attività”. A questo punto vi troverete di fronte ad uno specchietto che vi mostrerà in che modo vengono impiegate le componenti hardware e quali di queste sono in difficoltà.

Se notate che c’è un utilizzo eccessivo della cpu (il processore) è probabile che questo sia troppo anziano, in particolar modo se per lavoro state utilizzando dei programmi molto pesanti come software di grafica o gestione del suono. Difficilmente, infatti, per la semplice navigazione o per l’apertura in contemporanea di browser e programma di scrittura la cpu andrà in sofferenza.

Pc lento? Ecco come è possibile ovviare con un semplice escamotage

Se dunque utilizzate il PC per navigare o per utilizzi ordinari che non richiedono processori molto potenti, è probabile che il rallentamento del vostro PC sia causato da un sovraccarico della memoria ram. Questa è una memoria di accesso rapido che registra i dati dei programmi che vi servono sul momento per velocizzare il passaggio di questi dall’hard disk al processore.

Come velocizzare un PC
Molte volte il rallentamento del PC è dovuto ad una cattiva gestione della ram – lafuriaumana.it

Se la ram non riesce a gestire i compiti che le state dando significa che state utilizzando tutti i giga a sua disposizione e dunque che sta elaborando troppi dati. Per evitare che questo accada potete disabilitare i programmi che non vi servono quotidianamente dall’avvio automatico. Per farlo aprite nuovamente “Gestione attività”, quindi selezionate “Avvio” e controllate quali programmi sono necessari e quali no.

Togliete adesso quelli che non vi servono ogni giorno cliccandoci sopra con il tasto destro del mouse e selezionando “disabilita”. Una volta tolti i programmi superflui vedrete che il PC sarà più rapido sia all’avvio che durante il lavoro. Se invece non ci sono programmi superflui, probabilmente state utilizzando dei software che richiedono troppa ram per quella che avete a disposizione. Una soluzione dunque potrebbe essere utilizzarne degli equivalenti che comportano un minore utilizzo di dati.

Per fare un esempio, invece di utilizzare come antivirus Kasperky o Avira, potete utilizzare Windows Defender, leggerissimo e già facente parte del vostro sistema operativo. Stesso discorso per il browser, invece di utilizzare Chrome che è molto pesante, potete utilizzare Firefox. Infine se a pesare troppo è l’OS potete pensare di sostituire Windows con Linux.

Impostazioni privacy