Riparte il Bonus Badanti, domande aperte fino al 20 dicembre: ecco quali documenti servono

Daniele Orlandi

Un importo di 500 euro al mese erogato per un intero anno: tutto sul bonus badanti e sui requisiti per poterlo ottenere.

Calmierare le spese della vita quotidiana con un bonus. È una strada che molti potrebbero percorrere, a patto che rispettino i requisiti per poterlo richiedere, al fine di poter tirare una boccata di ossigeno in tempi economicamente duri come quello che ci stiamo trovando ad affrontare.

Maxi stanziamento per la quarta edizione del bonus badanti
Bonus badanti, domande aperte. Come richiederlo (lafuriaumana.it)

Un periodo storico nel quale chi non ha da parte risparmi potrebbe addirittura faticare ad arrivare alla fine del mese e chi invece è riuscito a risparmiare denaro nel corso degli ultimi anni, rischia di vederli erodere progressivamente a causa del caro vita. Si tratta dunque di una situazione da non sottovalutare, in particolare per le categorie di lavoratori con stipendi più bassi e per chi è in stato di disoccupazione.

Bonus badanti, quarta edizione al via: maxi stanziamento e domande aperte

Tra le agevolazioni che ci vengono in aiuto, rivolta ad una specifica categoria di lavoratori, vi è il bonus badanti, pronto a ripartire con un’erogazione importante. Si tratta infatti di un assegno del valore di 500 euro che sarà corrisposto mensilmente per un intero anno. Le domande per potervi accedere sono state aperte in data 20 novembre e ci sarà tempo fino al 20 dicembre per poterlo richiedere.

La misura viene riproposta da ben quattro anni ed infatti è stata chiamata “Quarta edizione bonus badanti e terza edizione di bonus baby sitter”. Inoltre occorre sottolineare che nel 2023 lo stanziamento per questa agevolazione è stato il più alto di sempre dal momento che sono stati accantonati 7,3 milioni di euro potendo così erogare più di 1300 bonus.

Entrando nel merito della misura, si tratta di un bonus erogato a livello regionale. Accade infatti in Liguria la cui giunta ha stanziato, per il 2024, altri 467mila euro che permetteranno di predisporre diverse centinaia di pacchetti economici. Il progetto è reso possibile grazie ad una serie di economie relative al filone badanti e ha l’obiettivo di favorire anzitutto un maggiore equilibrio nella presenza maschile e femminile nel mondo del lavoro.

Inoltre vuole fornire un sostegno prezioso alle persone non autosufficienti consentendo loro, anche con limitata disponibilità economica, di ricevere presso il domicilio un’adeguata assistenza. Come dicevamo l’importo mensile, per coloro che non percepiscono il Fondo regionale per la non autosufficienza è pari a 500 euro mentre per chi lo percepisce ammonta a 150 euro e verrà erogato per dodici mesi. Attraverso Filse è possibile inviare la propria domanda.

Impostazioni privacy