Addio alla classica ricetta del medico, il cambiamento in arrivo sconvolge molti

Chiara R

A breve diremo una volta per tutte addio alla ricetta da parte del medico. Il modo in cui verrà sostituita spaventa qualcuno.

Ricetta del medico
Ricetta del medico -Lafuriaumana.it

La ricetta del medico ci ha sempre accompagnati sia in farmacia che per le visite mediche. Si tratta del foglio che il dottore ci rilascia per far sì che possiamo accedere a una prestazione o acquistare un farmaco. Presto però la ricetta cartacea non esisterà più. Vediamo come sarà sostituita e quali sono le prime impressioni.

Addio alla ricetta del medico

Quando ci rivolgiamo al medico per la necessità di un farmaco o di una visita, ci vene rilasciata una ricetta da lui firmata. La ricetta può essere “rossa”, utilizzata per lo più per prestazioni e farmaci convenzionati, oppure “bianca”, per i farmaci e le prestazioni che non prevedono alcuna riduzione sul prezzo.

Può capitare però di essere impossibilitati al ritiro della ricetta, che sia per la distanza o per gli orari che non coincidono.

Medico
Medico

Se abbiamo fortuna, possiamo mandare qualcuno al nostro posto a ritirarla, sennò rischiamo di dover chiedere un permesso al lavoro.

Eppure ci sono alcuni medici che hanno fatto tesoro dell’esperienza del Covid. Durante la pandemia infatti, si chiedeva ai pazienti di non affollare gli studi medici e, per ridurre l’affluenza, molti medici hanno scelto di ricorrere alle ricette elettroniche inviate via email.

Come cambieranno le ricette

Proprio grazie all’esperienza della ricetta online, il Ministro della Salute Schillaci ha confermato che le classiche ricette cartacee saranno presto sostituite definitivamente da quelle elettroniche, senza dubbio più rapide e più facilmente trasmissibili al paziente da parte del medico, anche qualora quest’ultimo si trovasse fuori dal suo studio.

Un’altra particolarità della ricetta elettronica è che potrà essere ripetibile anche per i farmaci destinati a persone con malattie croniche. In questo modo, descrivendo quante confezioni sono previste che l’assistito acquisti nel corso di un anno, non sarà necessario richiedere periodicamente una nuova ricetta.

Farmaci
Farmaci

Se la notizia è sicuramente buona per i più tecnologici e per chi non ha il tempo e il modo di recarsi dal medico, le persone meno avvezze e gli anziani hanno qualche dubbio in merito.

Per ricevere la ricetta elettronica infatti si rende indispensabile il possesso di un indirizzo email al quale inviarla e, successivamente, uno smartphone o una stampante per presentarla al farmacista. Tutte procedure che una persona anziana sola, senza accesso a questi mezzi non potrebbe svolgere.

Impostazioni privacy