Come non essere contagiati dall’influenza, l’ingrediente che non ti aspetti la tiene alla larga

Chiara R

In pochi lo sanno ma c’è un modo per non essere contagiati dall’influenza se qualcuno in casa è ammalato: l’ingrediente che non ti aspetti.

Come non essere contagiati dall'influenza
Come non essere contagiati dall’influenza

Quando qualcuno in famiglia è influenzato è difficile riuscire a non farsi contagiare. A meno che non si voglia isolare in una stanza il parente malato, rischiamo di venir contagiati facilmente. C’è però un ingrediente molto utile nelle nostre cucine che può essere d’aiuto per prevenire il contagio. Vediamo insieme di cosa si tratta.

L’ingrediente per non essere contagiati

Se in famiglia si ammala qualcuno, quasi automaticamente si ammaleranno tutti. È inevitabile, si sta a stretto contatto, a tavola insieme e spesso in spazi ristretti, ed ecco che l’influenza del papà passa al figlio o viceversa, per poi fare il giro della famiglia.
Chi ha dei bambini conosce bene questa prassi e ogni volta che uno dei piccoli di casa si ammala è matematico che in poco tempo lo saranno anche gli altri, in quanto quando malati i bambini necessitano inevitabilmente di più attenzioni.

Influenza nei bambini
Influenza nei bambini

A volte si possono creare dei veri e propri circoli senza fine, che passano di familiare in familiare per poi tornare con delle ricadute in un loop che può durare fino a un mese.

Eppure è stato scoperto che c’è un ingrediente nelle nostre cucine che può essere d’aiuto a evitare il contagio.

L’ingrediente per non ammalarsi

La maggior parte delle famiglie al mattino apre le finestre per far cambiare aria alla casa. Questa pratica dovrebbe essere intensificata se in famiglia qualcuno è ammalato, aprendo le finestre per circa 10-15 minuti più volte al giorno, così da eliminare possibili bacilli nell’aria. Ma a volte questo può non bastare. Come fare allora se non ci si vuole prendere l’ennesimo malanno di stagione?

La soluzione suggerita da alcuni nutrizionisti potrebbe far storcere un po’ il naso, non solo perchè considerata poco ortodossa ma soprattutto per il suo odore. L’ingrediente per evitare di contagiarsi è la cipolla, e no, non va mangiata.

Cipolla
Cipolla

Non dovrete fare altro che tagliarla in piccoli pezzi e riporla in una ciotolina nella stanza che condividete con chi è ammalato. Le proprietà assorbenti della cipolla cattureranno non solo l’umidità nell’aria ma anche germi e batteri. Di contro, l’odore della vostra casa potrebbe non essere particolarmente gradevole in questo lasso di tempo, ma sta a voi scegliere se ammalarvi o sopportare un po’ il cattivo odore.

Impostazioni privacy