Mangiare troppo velocemente danneggia la tua salute: e non si parla solo della linea

Antonetta Del Prete

La vita odierna è molto frenetica e può spingerci a fare velocemente anche attività come il consumare un pasto. Ma cosa comporta ciò?

Con la vita frenetica di questi tempi, ci possiamo ritrovare a correre e fare molte attività quasi in modo automatico. In particolare, tra queste attività, c’è anche il pranzo, un momento cruciale che spesso viene trascurato e fatto in modo molto rapido. Ma cosa succede quando mangiamo troppo velocemente? Questa abitudine apparentemente innocua può avere un impatto significativo sulla nostra salute e sul nostro peso.

cosa accade se si mangia velocemente
Mangiare velocemente fa male alla salute – Lafuriaumana.it

La velocità con cui consumiamo il cibo molto importante, quasi quanto la qualità degli alimenti. Uno degli aspetti fondamentali da considerare è il tempo che il nostro corpo impiega per inviare il segnale di sazietà al cervello. Questo processo può richiedere dai 5 ai 20 minuti, durante i quali, se mangiamo rapidamente, potremmo continuare ad assumere cibo e calorie superflue.

Secondo la nutrizionista Sarah Berry, coloro che mangiano velocemente potrebbero ingerire tra le 100 e le 200 calorie in più rispetto a chi consuma il cibo più lentamente. Ad ogni modo andiamo a vedere cosa ci dice la scienza.

L’esperimento

Un esperimento condotto da Berry ha dimostrato concretamente gli effetti della velocità nel mangiare. Un partecipante ha consumato lo stesso cibo per due giorni, variando solo la velocità. I risultati, misurati attraverso la concentrazione di glucosio nel sangue, hanno mostrato valori più elevati nei momenti in cui il cibo è stato consumato rapidamente.

mangiare velocemente fa ingrassare
Mangiare in modo veloce può farci ingrassare – Lafuriaumana.it

Berry spiega che mangiare velocemente provoca picchi di glucosio nel sangue che, se ripetuti nel tempo, possono aumentare il rischio di malattie metaboliche come il diabete di tipo 2 e le malattie vascolari.

Per questo motivo, bisogna cambiare l’abitudine di mangiare velocemente. Certo, può sembrare una sfida, ma ci sono alcune tecniche che possono aiutare a rallentare il ritmo mentre si mangia. Una strategia basilare è quella di lasciare le posate sul tavolo tra un boccone e l’altro, incoraggiando una pausa naturale tra le porzioni.

Inoltre, la scelta di cibi meno lavorati può contribuire a rallentare il processo di consumo, poiché gli alimenti ultra-processati tendono ad essere ingeriti più rapidamente. Un’altra raccomandazione chiave è quella di consultare un nutrizionista, per ottenere indicazioni personalizzate in base alle esigenze individuali. Ogni persona è diversa e quindi un esperto può sicuramente offrire consigli mirati.

Insomma, la consapevolezza del modo in cui mangiamo è il primo passo verso una dieta più sana e uno stile di vita equilibrato. Quindi, la prossima volta che ti siedi per un pasto, prenditi il ​​tempo necessario per gustare ogni boccone e goditi i benefici di un approccio più lento alla tavola. La tua salute potrebbe ringraziarti.

Impostazioni privacy