ISEE sotto i 10mila euro, puoi chiedere solo questi bonus: stanno per scadere, fai in fretta

Susanna Bargiacchi

Se hai l’ISEE sotto i 10mila euro puoi chiedere subito questo bonus: ma devi muoverti perché non dura per sempre.

ISEE bonus
ISEE bonus

 

L’Indicatore della Situazione Economica Equivalente, meglio conosciuto come ISEE, è uno strumento fondamentale utilizzato in Italia per valutare la situazione economica di un nucleo familiare. Esso tiene conto di vari fattori, quali reddito, patrimonio e numero di componenti del nucleo, al fine di determinare la condizione socioeconomica di una famiglia. In questa prospettiva, chi presenta un ISEE sotto i 10.000 euro ha accesso a specifici bonus e agevolazioni.  Questi benefici stanno per scadere, pertanto è essenziale agire tempestivamente per garantirsi l’accesso alle agevolazioni.

Che cos’è l’ISEE?

L’ISEE è uno strumento che misura la situazione economica di un nucleo familiare e viene utilizzato per l’accesso a numerosi servizi e agevolazioni sociali. Esso considera vari parametri, tra cui il reddito, il patrimonio e il numero di componenti del nucleo. L’obiettivo è valutare in maniera equa e adeguata la condizione socioeconomica di una famiglia, fornendo così indicazioni utili per l’accesso a bonus e benefici statali.

Cosa richiedere con l’ISEE sotto i 10mila euro?

Il nuovo Assegno di Inclusione bis è un beneficio economico che può essere richiesto da coloro il cui ISEE non supera i 9.360 euro. La soglia richiesta è stata mantenuta invariata rispetto al Reddito di Cittadinanza, ma con una specifica differenza: possono accedere a questa nuova misura solo i nuclei familiari in cui è presente almeno un componente disabile, minorenne o ultrasessantenne. Inoltre, ne hanno diritto anche coloro che si trovano in condizione di svantaggio e sono inseriti in programmi di cura e assistenza forniti dai servizi socio-sanitari territoriali, a patto che tali condizioni siano certificate dalla Pubblica Amministrazione.

La richiesta dell’Assegno di Inclusione bis conferisce il diritto a un importo mensile calcolato in base al reddito percepito e al numero di componenti del nucleo familiare. Tale importo verrà accreditato su una specifica carta acquisti, ma è importante notare che non è utilizzabile per alcune categorie di beni. L’importo massimo è di 500 euro per una persona sola, mentre per nuclei familiari più numerosi può arrivare fino a 1.150 euro mensili. In aggiunta, esiste la possibilità di ottenere un rimborso fino a 280 euro al mese per le spese sostenute per l’affitto della casa in cui si vive.

Limiti e supporti diretti

È fondamentale comprendere che, ai fini dell’Assegno di Inclusione, non vengono considerati i componenti maggiorenni occupabili del nucleo familiare.

Bonus ISEE
Bonus ISEE

 

Questa categoria comprende gli individui con un’età compresa tra i 18 e i 59 anni che non presentano problemi di salute né carichi di cura. Questa scelta di esclusione mira a concentrare l’assegnazione dell’Assegno su coloro che potrebbero necessitare di un supporto economico più diretto, come persone disabili, minorenni o ultrasessantenni.

Impostazioni privacy