Novità per i buoni fruttiferi postali 2024: con questi vantaggi il risparmio è raddoppiato

Chiara R

I buoni fruttiferi postali presentano una gradita novità per il 2024. L’occasione da non farsi sfuggire per risparmiare.

Buoni fruttiferi postali, novità 2024
Buoni fruttiferi postali, novità 2024

Gli investimenti in buoni fruttiferi postali continuano a catturare l’attenzione degli investitori italiani, e nel 2024 spicca una particolare opzione che merita un’approfondita considerazione: il buono fruttifero postale “Rinnova”. Questo strumento si distingue per diverse caratteristiche che lo rendono appetibile per i piccoli risparmiatori alla ricerca di opportunità sicure e convenienti. Vediamo di cosa si tratta e come risparmiare al meglio.

Buoni fruttiferi postali 2024

I buoni fruttiferi postali sono noti agli utenti per la loro assenza di costi di sottoscrizione e rimborso, oltre alla possibilità di richiedere il rimborso del capitale investito in qualsiasi momento. Si tratta quindi di un prodotto di risparmio a rendimento garantito. La tassazione agevolata al 12,50% e l’esenzione da imposta di successione sono i maggiori vantaggi che attirano gli investitori.

Risparmi
Risparmi

Nonostante siano un prodotto di Poste Italiane sempre molto in voga, il 2024 segna un ritorno in grande dei buoni fruttiferi postali come alternativa d’investimento, soprattutto grazie all’incremento dei rendimenti promosso dalla Cassa depositi e prestiti (CDP). Si parla di un aumento che va dallo 0,5% al 3,5%, e che rende i buoni fruttiferi postali particolarmente interessanti anche per coloro che sono meno esperti in materia di investimenti. Una possibilità di investimento, anche minima, per tuti gli utenti. Vediamo dunque qual è il tipo di buono migliore, in particolar modo per chi è agli inizi.

La differenza tra i buoni

Tra le varie tipologie di buoni fruttiferi postali disponibili nel 2024, il buono “Rinnova” si distingue senza dubbio come la scelta più conveniente per i piccoli risparmiatori. Ideale per coloro che intendono rimborsare buoni scaduti a partire dal primo agosto 2023 e reinvestire i propri risparmi per un periodo fino a 6 anni, il Buono “Rinnova” offre la possibilità di richiedere il rimborso anche dopo 3 anni, con il riconoscimento degli interessi maturati nel primo triennio.

Denaro risparmiato
Denaro risparmiato

Il panorama delle tipologie di buoni fruttiferi è ampio e variegato, comprendendo opzioni come il buono 3×4, il buono ordinario, il buono dedicato ai minori e il buono 4 anni Plus. Ognuno di essi presenta caratteristiche degne di nota, spiegate dettagliatamente sul sito ufficiale delle Poste.

Il buono fruttifero postale “Rinnova” emerge come un’opzione attraente per gli investitori, sia più che meno esperti, alla ricerca di un ritorno economico sicuro e conveniente. Con il suo mix di flessibilità e rendimenti accresciuti, è tassello importante nell’ampio mondo degli investimenti.

Impostazioni privacy