Pignoramento del conto: cosa non devi fare per non farti bloccare i soldi

Chiara R

Come evitare il pignoramento del conto? Quello che non devi mai fare per non farti mai bloccare i soldi.

Pignoramento del conto
Pignoramento del conto

Il recupero di un debito attraverso il pignoramento del conto corrente è una procedura con regole precise che limitano l’accesso del debitore ai propri soldi. Prima di procedere con il pignoramento, è necessario ottenere un titolo esecutivo legato a una sentenza, un atto giudiziario o un decreto ingiuntivo. Questa procedura avviene quando l’istituto di credito del debitore riceve un ordine dall’ufficiale giudiziario, previa presentazione dei documenti appropriati come una sentenza o un decreto ingiuntivo. Le banche sono obbligate a bloccare le somme pignorate su ordine del giudice, impedendo al correntista di disporre di quei fondi. Vediamo come è possibile evitare che questo accada.

Evitare il pignoramento del conto è possibile?

Se il saldo sul conto corrente supera il debito, solo la parte necessaria per soddisfare il creditore viene bloccata, lasciando libera la restante. Il procedimento inizia con un’istanza del creditore alla banca o alle poste del debitore, seguita da un periodo di 10 giorni per il pagamento del debito. Successivamente, viene emesso l’atto di pignoramento che impedisce al debitore di prelevare dal conto.

Nei casi in cui il conto è vuoto o negativo, il pignoramento si applica sulle entrate successive alla data del titolo esecutivo. Se il saldo è inferiore all’importo da pignorare, il conto viene bloccato fino all’udienza di assegnazione; se superiore, il debitore può disporre della parte eccedente.

Il pignoramento può essere eseguito da diversi soggetti, inclusi enti pubblici come l’Agenzia delle Entrate e il INPS, nonché creditori privati con un titolo esecutivo. La legge stabilisce limiti per proteggere il debitore, come il minimo non pignorabile, che varia a seconda delle circostanze.

Come pagare
Come pagare

Per i lavoratori dipendenti e i pensionati, solo una parte delle somme può essere pignorata, mentre il restante rimane disponibile. Nel caso di conto corrente cointestato, il pignoramento si applica al 50% delle somme depositate.

Come pagare il creditore

Se il conto non può essere pignorato, il creditore può cercare altre vie per recuperare il credito, come il pignoramento di altri beni o crediti del debitore. Una volta saldato il debito, il pignoramento termina, ma il debitore può richiedere la rateizzazione del debito entro 60 giorni.

Svuotare il conto prima del pignoramento solleva questioni legali ed etiche, mentre prelevare fondi per pagare il debito è consentito. Tuttavia, l’apertura di un nuovo conto in un’altra banca può essere soggetta a pignoramento se il debito non è stato ancora saldato.

Impostazioni privacy