Il ciclone polare irrompe sull’Italia tra pochi giorni: neve e pioggia travolgono tutte le regioni

Susanna Bargiacchi

Arriva il ciclone polare dal Nord Europa e trascinerà l’Italia dentro la morsa del grande freddo, con neve e gelo.

Ciclone polare
Ciclone polare

 

Una svolta meteorologica di rilevanza sta per colpire l’Italia nei prossimi giorni, portando con sé l’arrivo di un ciclone polare che promette neve e pioggia su tutte le regioni del Paese. L’atmosfera si prepara ad accogliere un evento climatico di notevole intensità, con conseguenze potenzialmente significative per l’intero territorio nazionale. La prima perturbazione di questo fine febbraio rappresenta solo l’inizio di una serie di eventi atmosferici che si susseguiranno nel corso della prossima settimana, alimentando l’incertezza e la preoccupazione nelle previsioni meteorologiche.

Ciclone polare in arrivo su tutta Italia: cosa aspettarsi?

Il quadro meteorologico preannuncia l’arrivo di un affondo fresco nord-atlantico sul Mediterraneo occidentale, un fenomeno che potrebbe assumere le caratteristiche di un autentico ciclone extra-tropicale particolarmente profondo ed esteso. Le previsioni dei principali centri meteorologici evidenziano la possibilità di un’intensa perturbazione atmosferica, anche se le discrepanze sul suo sviluppo e posizionamento non mancano. Mentre il modello americano GFS propone una traiettoria che coinvolge principalmente il Tirreno centrale, il modello europeo ECMWF indica una concentrazione delle precipitazioni soprattutto sul versante ionico del sud Italia.

Lo scenario meteorologico

Il ciclone polare che si prevede possa interessare l’Italia porterà con sé una serie di fenomeni atmosferici significativi. Secondo le previsioni del modello americano GFS, è ipotizzata la formazione di un ciclone profondo che potrebbe generare piogge intense e temporali su gran parte del Paese, soprattutto tra il 28 e il 29 febbraio. Queste precipitazioni, aggiunte a quelle che si sono verificate nei giorni precedenti, aumentano il rischio di fenomeni meteorologici violenti, soprattutto nelle regioni settentrionali.

Dall’altro lato, il modello europeo ECMWF suggerisce una traiettoria leggermente diversa, concentrando le precipitazioni più intense sul sud Italia e in particolare sul versante ionico. Le previsioni indicano possibili nubifragi e piogge abbondanti soprattutto in Sicilia, Calabria e Basilicata, mentre nel resto del Paese si potrebbero verificare fenomeni meno organizzati o addirittura assenti.

L’arrivo del ciclone polare non comporterà solo precipitazioni intense, ma anche forti venti che potrebbero interessare diverse aree del territorio italiano. Tuttavia, l’intensità di tali venti richiederà ulteriori aggiornamenti e monitoraggi per valutarne gli effetti con maggiore precisione.

Freddo e neve
Freddo e neve

 

Le conseguenze di questo evento meteorologico potrebbero essere significative, con possibili disagi per i trasporti, interruzioni di corrente e danni alle infrastrutture. Inoltre, l’accumulo di neve e le piogge abbondanti potrebbero provocare allagamenti e smottamenti, soprattutto nelle zone più a rischio del territorio nazionale.

Impostazioni privacy