Vermi nello Spritz: l’azienda ha rivelato uno degli ingredienti segreti che nessuno conosce

Jessica M.

Uno degli ingredienti presenti nella produzione dello spritz sono i vermi. L’azienda ha rivelato gli ingredienti ma non è l’unica che lo fa.

vermi nello spritz
vermi nello spritz- lafuriaumana.it

 

Che le farine di insetti fossero diventate legali oramai ne eravamo a conoscenza e quasi ce c’avevamo fatto l’abitudine. Ora il nuovo decreto si estende e legalizza anche la presenza dei vermi. Con questa libertà, però, alcune aziende hanno rivelato che già ne facevano uso ampiamente nelle loro produzioni. Scopriamo insieme quali aziende utilizzano gli insetti per produrre alimenti. Una di queste è lo spritz, ma quali sono le altre?

Il nuovo decreto, sì agli insetti alimentari

Dopo il via libera da parte dell’Ue, a inizio gennaio del 2023, ai prodotti che contengono farina da Acheta domesticus, più comunemente detto grillo domestico, la Commissione Europea ha autorizzato l’ingresso nel mercato di un quarto insetto, il cosiddetto verme della farina minore, o Alphitobius diaperinus.

Se sei tra quelli che solo all’idea di assaggiare grilli e vermi inorridiscono, quello che stai per leggere potrebbe lasciarti senza parole se non addirittura disgustato.  Anche se non ne sei consapevole, in realtà mangi già insetti. Molti alimenti, ma anche bevande, comunemente presenti sulle nostre tavole contengono infatti componenti prodotti a partire da insetti.

cocciniglia
cocciniglia – lafuriaumana.it

 

Vermi e insetti, l’ingrediente segreto di cui non sapeva nessuno

Partiamo dal presupposto che molti alimenti di colore rosso, hanno questa componente all’interno, perché la farina di vermi dà questo colorito all’alimento. È infatti il risultato di un particolare colorante naturale ottenuto dall’essiccazione della cocciniglia.

Considera che per ottenere un chilo di colorante “cocciniglia” servono tra gli 80 mila e i 100 mila insetti. Per ottenere il colorante rosso si utilizzano le femmine gravide di questa specie, le quali secernano più liquido. Una volta essiccate, le cocciniglie vengono macinate per ottenere una specie di polvere o farina. Da questa, attraverso un particolare procedimento, si ottiene una sostanza rossa, chiamato acido carminico.  Ecco qui un elenco dei prodotti che potrebbero contenere questo antico colorante naturalutilizzato da anni. Considerando anche che nell’industria alimentare e spesso indicato con la sigla E120, quindi già noto da tempo.  Ecco tutti i prodotti che la contengono:
  • Caramelle gommose colorate
  • Yogurt (quelli alla fragola o ai frutti di bosco, in genere i gusti associati ai colori rosso/rosa)
  • Succhi di frutta rossi 
  • Bevande energetiche al gusto arancia rosso, fragola e simili
  • Drink alcolici come lo spritz

Mangiare insetti è normale oltre che salutare

Uno studio del Centro per lo Sviluppo Sostenibile (CSS) e l’Università IULM di Milano ha rilevato che gli italiani sono disinformati su questo argomento. Per esempio un bicchiere di aranciata può contenere fino a cinque moscerini.

Prof.ssa Rosantonietta Scramaglia, membro del Centro per lo sviluppo sostenibile (Css) ha spiegato: ogni anno in media il consumo inconsapevole di insetti si aggira sui 500 gr“. Per la legge italiana sono tollerati nell’industria alimentare, entro certe soglie: Ad esempio, un bicchiere di aranciata può contenere fino a cinque moscerini e una barretta di cioccolato fino a otto parti di insetti; nell’insalata, nelle marmellate, nei succhi di frutta, nelle passate di pomodoro e nelle farine sono in genere presenti parti di insetti“, ha confermato Scramaglia.

La presenza di insetti negli alimenti è tollerata anche in altri Paesi del mondo. Negli Stati Uniti, per esempio, la Food and Drug Administration (Fda) ha stabilito “i livelli massimi di difetti naturali o inevitabili negli alimenti per uso umano che non presentano rischi per la salute”.

Impostazioni privacy