Acqua in bottiglia: alcune non fanno per niente bene ai reni, attento a quale scegli

Chiara R

Spesso si sottovaluta la diversità dell’acqua in bottiglia, assumendola tutte allo stesso modo, ma esistono varietà di acqua che possono avere effetti negativi sui reni.

 

Acqua in bottiglia, come scegliere quella giusta
Acqua in bottiglia, come scegliere quella giusta

L’acqua rappresenta un elemento vitale per l’organismo umano, fondamentale per mantenere un adeguato stato di idratazione sia durante i mesi più caldi che durante quelli più freddi. Gli esperti consigliano di consumare almeno 1,5-2 litri di acqua al giorno per garantire il corretto funzionamento dell’organismo. Per molte persone non fa differenza, ma in realtà scegliere il giusto tipo di acqua da bere è essenziale per la nostra salute.

Acqua in bottiglia, non sono tutte uguali

Nonostante molte persone abbiano già optato per l’installazione di un depuratore d’acqua in casa, riducendo così l’uso di bottiglie di plastica e adottando una scelta più sostenibile, c’è ancora una grande fetta di popolazione che preferisce l’acqua in bottiglia. Tuttavia è importante comprendere che non tutte le acque in bottiglia sono uguali e alcune possono avere effetti nocivi sui reni.

La scelta di un’acqua in bottiglia che favorisca la salute renale è di estrema importanza. I reni sono organi vitali e consumare un’acqua inadatta potrebbe comprometterne il corretto funzionamento, causando danni significativi nel tempo, come la formazione di calcoli renali dolorosi. Pertanto, è essenziale leggere attentamente l’etichetta dell’acqua in bottiglia prima di acquistarla, concentrandosi sui livelli di nitrati, calcio, sodio e altri minerali presenti. Questi elementi possono influenzare la salute renale e la loro presenza dovrebbe essere valutata in base alle esigenze individuali.

L'acqua adatta alle proprie esigenze
L’acqua adatta alle proprie esigenze

Una delle caratteristiche da considerare è il residuo fisso, che indica la quantità di sali minerali presenti nell’acqua. Per garantire la salute renale nel lungo termine, è consigliabile optare per un’acqua in bottiglia con un basso residuo fisso, preferibilmente inferiore a 200 mg/l, e ancora meglio sotto i 100 mg/l.

Come scegliere

Inoltre, è importante considerare le esigenze specifiche legate all’attività fisica, all’ipertensione, alla digestione e alla gravidanza. Ad esempio, chi pratica sport dovrebbe optare per un’acqua ricca di minerali persi attraverso il sudore, come calcio, sodio, potassio, magnesio e cloruri. Coloro che soffrono di ipertensione dovrebbero preferire un’acqua diuretica, mentre chi ha problemi di digestione potrebbe beneficiare di un’acqua ricca di bicarbonati. Le donne in gravidanza o in allattamento dovrebbero privilegiare un’acqua in bottiglia ricca di calcio per supportare le esigenze nutrizionali del loro corpo.
La scelta dell’acqua in bottiglia non dovrebbe essere casuale, ma basata sulle proprie esigenze individuali, con particolare attenzione alla salute renale e al benessere generale dell’organismo.

Impostazioni privacy