Busta paga, fai attenzione a questi errori: potresti ricevere meno soldi del dovuto

Daniela Paolucci

Nel momento in cui ricevi la tua busta paga, è fondamentale prestare la massima attenzione a possibili errori, poiché potresti ritrovarti con un importo inferiore a quello corretto.

Errori in busta paga
Errori in busta paga

Controllate regolarmente le voci nella vostra busta paga mensile? Se la risposta è negativa, sarebbe saggio considerare un cambiamento per evitare eventuali errori che potrebbero comportare perdite finanziarie. I datori di lavoro, infatti, possono commettere errori.

Fai attenzione alla busta paga

La legge stabilisce che ogni datore di lavoro è tenuto a fornire obbligatoriamente al dipendente un prospetto di paga al momento del pagamento dello stipendio. Questo documento deve includere il nome, il cognome e la qualifica professionale del lavoratore, il periodo a cui si riferisce la retribuzione, gli assegni familiari eventuali e ogni altro elemento che costituisce la retribuzione finale, comprese le trattenute.

La busta paga, quindi, rappresenta un documento contabile in cui vengono elencate tutte le variabili della relazione lavorativa, con particolare attenzione a quelle che determinano l’importo netto che il dipendente riceverà. Ogni azienda può creare il proprio modello di prospetto di paga, purché sia completo e includa ogni elemento importante. A volte, i rimborsi spese possono essere fonte di confusione per il datore di lavoro, quindi il dipendente dovrebbe prestarvi molta attenzione.

Controllo buste paga
Controllo buste paga

Il dettaglio importante da controllare

Un dettaglio importante da notare nella busta paga è il rimborso spese. Se il lavoratore è tenuto a effettuare trasferte o spostamenti temporanei in una sede di lavoro diversa da quella abituale, il contratto prevede il pagamento di un rimborso spese da parte del datore di lavoro. L’inclusione di questi compensi nella busta paga può essere complessa, con tre diverse modalità di riconoscimento delle somme da erogare per coprire i costi. È importante che il lavoratore comprenda come verificare se la gestione dei rimborsi è corretta.

Il rimborso analitico o a piè di lista prevede che il dipendente riceva un importo pari alle spese sostenute, a condizione che presenti tutta la documentazione delle spese, come i giustificativi di spesa. Una consegna chiara e tempestiva della documentazione aiuta il datore di lavoro a gestire correttamente il rimborso. Nel caso del rimborso forfettario, invece, il datore di lavoro paga un importo fisso a copertura di tutti i costi, indipendentemente dalla spesa effettiva del lavoratore.

La diaria scatta automaticamente dopo una trasferta, riducendo il rischio di errori da verificare. Infine, c’è il rimborso misto, un accordo tra datore di lavoro e dipendente. Solo comprendendo in dettaglio questo compromesso è possibile verificare che l’importo nella busta paga corrisponda effettivamente a quanto dovuto.

Impostazioni privacy