Effetti della meditazione sul cervello: quello che succede è incredibile, dovremmo farlo tutti

Chiara R

Gli effetti della meditazione sul cervello sono veramente sorprendenti e dovrebbero essere sperimentati da tutti.

Effetti meditazione sul cervello
Effetti meditazione sul cervello – Lafuriaumana.it

La pratica della meditazione, benché possa sembrare distante dalla medicina convenzionale, è supportata da una serie di ricerche scientifiche che ne confermano l’efficacia nel trattamento di sintomi correlati a disturbi psicologici. Nonostante la ricerca sia ancora in fase embrionale, è evidente che l’approccio alla consapevolezza promosso dalla meditazione può indurre cambiamenti significativi nel cervello umano, influenzando positivamente la nostra salute psico-fisica.

Quali sono gli effetti della meditazione sul cervello

Gli effetti della meditazione sul cervello sono molteplici e interessanti. Studi recenti indicano un aumento della densità della materia grigia nell’ippocampo e in altre regioni cerebrali, insieme a un aumento dell’insula anteriore e dello spessore corticale. Questi cambiamenti sono associati a miglioramenti nell’attenzione, nell’apprendimento e nella memoria. In particolare, un aumento dell’insula anteriore e dello spessore corticale favorisce la funzione cognitiva e l’autoconsapevolezza, come dimostrato da uno studio che ha evidenziato un aumento della spessore corticale nelle aree associate all’attenzione e all’elaborazione sensoriale nei partecipanti alla meditazione.

La pratica regolare della meditazione porta anche a una maggiore sensazione di relax e a una riduzione dello stress. Questo avviene attraverso un’alterazione degli impulsi elettrici e delle onde cerebrali legate allo stress e all’ipervigilanza, con conseguente abbassamento dei livelli di stress. La meditazione è in grado di rallentare il sistema nervoso simpatico, responsabile della risposta di lotta o fuga, favorendo l’attivazione del sistema nervoso parasimpatico, che induce uno stato di calma e rilassamento. Questo è supportato da uno studio condotto presso la Stanford University, il quale ha evidenziato la capacità della meditazione di disattivare il sistema nervoso simpatico e attivare quello parasimpatico, riducendo lo stress e promuovendo un maggiore equilibrio mentale.

Benefici per la salute mentale
Benefici per la salute mentale

Inoltre, numerosi studi hanno dimostrato una correlazione tra meditazione e riduzione dell’ansia e della depressione. Un lavoro di ricerca condotto nel 1995 ha evidenziato miglioramenti significativi nei sintomi di ansia e panico dopo otto settimane di pratica meditativa. Successivamente, un follow-up condotto tre anni dopo ha confermato il mantenimento di tali miglioramenti nel lungo periodo.

Come influisce sulle nostre giornate

La meditazione influenza anche il modo in cui pensiamo al passato e al futuro. La ricerca condotta da Matt Dixon, del dipartimento di psicologia di Stanford, suggerisce che la meditazione riduca la tendenza alla ruminatione e alla costruzione di pensieri su eventi passati e futuri. Allo stesso tempo, l’aumento delle dimensioni dell’insula durante la meditazione favorisce un maggiore focus sulle emozioni e le sensazioni corporee del momento presente, riducendo così il coinvolgimento in pensieri negativi legati al passato o al futuro.

 

Impostazioni privacy