Frutta, non ci sono buone notizie: questo è quello più pericoloso e contaminato

Daniela Paolucci

Frutta, non ci sono buone notizie: questo è quello più pericoloso e contaminato tra tutti quelli disponibili sul mercato attuale, rappresentando una fonte di preoccupazione per la sicurezza alimentare e la salute dei consumatori.

Frutta contaminata
Frutta contaminata

Frutta e verdura sono elementi essenziali nella nostra alimentazione quotidiana. Questo mantra è costantemente ribadito da dietologi e nutrizionisti, giustamente, poiché forniscono nutrienti preziosi per garantire un corretto apporto di vitamine e contribuire a un’alimentazione sana e priva di rischi.

Frutta, qual è quello più pericoloso e contaminato

Durante i mesi più caldi dell’anno, come l’estate, e anche in autunno e primavera quando le temperature sono superiori alla media, è consigliato consumare frutta fresca per reintegrare acqua e sali minerali persi con la sudorazione. Questo non solo aiuta a rinfrescarsi, ma offre anche una piacevole varietà di colori caldi, dal giallo al rosso, tipici della stagione calda.

La frutta e la verdura sono fondamentali nella dieta mediterranea, riconosciuta dagli esperti come uno dei modelli alimentari migliori. Recentemente, i prodotti ortofrutticoli nei supermercati hanno mostrato una crescente attenzione verso metodi di coltivazione più biologici, riducendo l’uso di pesticidi. Sebbene sicuri, l’impiego prolungato di pesticidi potrebbe avere impatti negativi sulla salute del consumatore nel tempo.

Contaminazione frutta
Contaminazione frutta

Indagine condotta

Un’indagine condotta da Il Salvagente ha rivelato la presenza di pesticidi vietati nell’Unione Europea in ananas, mango e avocado venduti nei supermercati italiani. Questi frutti esotici, spesso parte integrante della nostra dieta, potrebbero essere contaminati da sostanze tossiche provenienti da paesi con regolamentazioni meno rigide. L’ananas ha mostrato i risultati peggiori, con quattro campioni contaminati da pesticidi dannosi per l’ambiente e la salute umana.

Un’altra ricerca condotta dall’Environmental Working Group ha identificato i prodotti vegetali più contaminati dai pesticidi, noti come ‘Dirty Dozen’. Le fragole hanno ottenuto il triste primato, seguite da uva, pesche e altri frutti. In Europa, è stata presentata una proposta di modifica del “Pesticides Regulation” con l’obiettivo di ridurre drasticamente l’uso di pesticidi in agricoltura entro il 2030 e renderla completamente priva di pesticidi entro il 2050.

Ci sono divergenze di opinioni tra i Paesi dell’Unione Europea su questa proposta. La Coldiretti, ad esempio, teme che questa politica danneggerà produzioni vitali per la dieta mediterranea. Gli agricoltori e le cooperative vinicole hanno compiuto sforzi considerevoli per ridurre l’impatto ambientale, ma ritengono che obiettivi irrealistici possano compromettere la sostenibilità della produzione. La discussione sull’uso dei pesticidi è complessa e richiede un equilibrio tra la sicurezza alimentare e la sostenibilità ambientale.

Impostazioni privacy