Il tipo di sogni che fai non dipende da quanto mangi: smentita la diceria, è dovuto tutto a questo

Chiara R

Ecco perché il tipo di sogni che fai non dipende da quanto mangi: smentita la diceria con uno studio sorprendente.

Sognare-lafuriaumana.it
Sognare-lafuriaumana.it

Il misterioso mondo dei sogni è un terreno che continua a stupire e affascinare gli scienziati e i sognatori di tutto il mondo. Oltre alla sua natura misteriosa, sembra che la qualità del sonno e persino la posizione in cui ci addormentiamo possano influenzare il tipo e l’intensità dei nostri sogni.

Da cosa dipende il tipo di sogni che facciamo

Recenti studi, menzionati in diversi articoli internazionali, hanno evidenziato come la nostra posizione durante il sonno possa giocare un ruolo significativo nel plasmare i nostri sogni notturni. Questo suggerisce che non si tratta solo di quanto dormiamo, ma anche di come dormiamo. Ad esempio, dormire a pancia in giù, in posizione prona, sembra essere associato a sogni erotici o a sensazioni di paralisi durante il sonno. Uno studio condotto nel 2012 ha indicato che le persone che dormono in questa posizione hanno maggiori probabilità di sperimentare di sentirsi intrappolate nel loro sonno.

D’altra parte, dormire sul lato destro è stato suggerito come la posizione ottimale per favorire sogni più positivi e pacifici. Questa posizione facilita la circolazione sanguigna e linfatica e può aiutare a ridurre il russamento durante la notte. Tuttavia non mancano segnalazioni di incubi, specialmente quelli legati a sensazioni di bruciore. Il riposo sul lato sinistro, invece, è consigliato per coloro che soffrono di reflusso gastroesofageo o bruciore di stomaco, poiché questa posizione può aiutare a evitare il reflusso. Alcuni studi però, suggeriscono che questa posizione potrebbe essere associata a sogni più negativi e inquietanti.

Dormire su un fianco
Dormire su un fianco

Al contrario, dormire sulla schiena è considerata la posizione meno ideale per i sogni. Questa posizione può causare russamento e apnee notturne, che a loro volta possono interrompere il sonno e portare a incubi o sogni meno intensi. Inoltre, sembra che i sogni sperimentati mentre si dorme sulla schiena siano più difficili da ricordare rispetto ad altre posizioni.

Cosa altro può influenzare i sogni

È importante notare che, oltre alla posizione del sonno, ci sono altri fattori che possono influenzare i nostri sogni e la qualità del sonno complessiva. Lo stress, l’alimentazione e l’assunzione di sostanze come l’alcol possono avere un impatto significativo sul contenuto e sull’intensità dei nostri sogni. In definitiva, mentre il mondo dei sogni continua a suscitare meraviglia e interesse, sembra che la posizione in cui dormiamo giochi un ruolo davvero importante, più di quanto precedentemente immaginato nell’influenzare la nostra esperienza onirica.

Impostazioni privacy