Lavare i denti così è sbagliatissimo, ti farà spendere un sacco di soldi dal dentista: l’errore da non fare

Chiara R

Lavare i denti è una pratica quotidiana che spesso diamo per scontata, ma ci sono dettagli importanti che possono fare la differenza. 

Come lavare i denti per non ricorrere al dentista
Come lavare i denti per non ricorrere al dentista

Evitare alcuni errori comuni può fare la differenza tra una buona e una cattiva salute dentale. Per esempio, non è consigliabile lavare i denti immediatamente dopo i pasti, in quanto le bevande acide possono indebolire lo smalto dei denti. È meglio aspettare almeno 30 minuti per consentire al pH della bocca di tornare alla normalità. Inoltre, l’uso eccessivo di dentifricio è inutile e potrebbe essere dannoso per lo smalto dei denti. Vediamo insieme come lavare i denti adeguatamente.

Come lavare i denti al meglio

Per mantenere una buona igiene orale e evitare spese inaspettate dal dentista, è essenziale seguire alcuni passaggi fondamentali durante il lavaggio dei denti. Prima di tutto, è importante tenere lo spazzolino ad un angolo di circa 45 gradi rispetto alla gengiva e spazzolare i denti con movimenti verticali o circolari, partendo dalle gengive e procedendo fino alle estremità dei denti. Questo processo dovrebbe essere lento e graduale, toccando tutte le zone della bocca. È consigliabile fare questi movimenti senza dentifricio, almeno inizialmente.

Successivamente si aggiunge il dentifricio e si continua a spazzolare per almeno due minuti, assicurandosi di coprire tutte le zone, anche quelle più difficili da raggiungere. Non dimenticare di pulire anche la lingua per eliminare i batteri che possono contribuire a problemi di alito cattivo.

Come lavare i denti al meglio
Come lavare i denti al meglio

Alcune persone preferiscono utilizzare un pulisci lingua apposito per questo scopo. Dopo il lavaggio dei denti, sia che si utilizzi uno spazzolino manuale o elettrico, è consigliabile sciacquare la bocca con un collutorio per almeno 30 secondi.

Così danneggi smalto e gengive

L’uso eccessivo di forza nello spazzolamento può anche danneggiare lo smalto e le gengive, quindi è importante spazzolare con delicatezza. Inoltre, è consigliabile sostituire lo spazzolino ogni tre mesi per evitare che le setole troppo usurate non siano efficaci nel pulire i denti. Infine, il filo interdentale può essere utilizzato per completare il processo di pulizia, raggiungendo gli spazi tra i denti che lo spazzolino potrebbe non essere in grado di pulire completamente.

Seguendo queste pratiche quotidiane con attenzione, specialmente prima di andare a letto, è possibile prevenire la formazione di carie e altri problemi dentali, riducendo così la necessità di frequenti visite dal dentista e risparmiando notevolmente nel lungo periodo. Mantenere una bocca sana non solo migliora il benessere generale, ma può anche alleggerire il peso sul portafoglio, evitando spese dentistiche superflue.

Impostazioni privacy