Lo smart working cambia dal 1° aprile: partono multe e sanzioni mai viste prima

Susanna Bargiacchi

Non è uno scherzo, infatti lo smart working cambia completamente dal 1° aprile. Multe e sanzioni mai viste prima di oggi!

Smart working 1° aprile
Smart working 1° aprile

 

L’approccio al lavoro agile sta subendo un cambiamento significativo a partire dal 1° aprile, con l’entrata in vigore di nuove normative nel settore privato. L’attuale deroga che ha permesso a lavoratori fragili e genitori con figli sotto i 14 anni di adottare lo smart working sta giungendo al termine, sostituita da una necessità di accordi individuali tra dipendenti e datori di lavoro. Questa transizione porta con sé una serie di sfide e adattamenti per il mondo del lavoro, evidenziando l’importanza di una flessibilità intelligente e di strategie di adattamento nella gestione delle risorse umane.

Lo smart working cambia dal 1° aprile: cosa succede?

Dopo un periodo di deroga sullo smart working nel settore privato, il quale ha concesso a lavoratori fragili e genitori con figli sotto i 14 anni di adottare questa modalità lavorativa, giunge ora al termine. Questa flessibilità, inizialmente estesa per affrontare le sfide imposte dalla pandemia, sarà sostituita da una nuova normativa che richiederà agli interessati di stabilire un accordo individuale con il datore di lavoro, indipendentemente dalla loro categoria di appartenenza. Nonostante le richieste di ulteriori proroghe avanzate dalle opposizioni, il Governo ha confermato che non ci saranno ulteriori estensioni.

La fine del lavoro agile

Entro la fine di marzo, i lavoratori fragili e i genitori di bambini sotto i 14 anni non potranno più fare affidamento sullo smart working agevolato. Questa sospensione giunge dopo diverse proroghe concesse durante l’evolversi della pandemia.

Alcuni partiti politici, tra cui il Partito Democratico e il Movimento Cinque Stelle, stanno tentando di intervenire in questo contesto attraverso un disegno di legge che prevederebbe una maggiore tutela per coloro che soffrono di malattie oncologiche o invalidanti, garantendo loro la possibilità di continuare a lavorare in modalità agile. Tuttavia, secondo quanto dichiarato dai capigruppo in commissione Lavoro di Pd e M5s, Arturo Scotto e Valentina Barzotti, questa proposta è attualmente in fase di stallo tra Commissione e Parlamento da diversi mesi.

Secondo il senatore cinquestelle Orfeo Mazzella, questa situazione rappresenta un tentativo di normalizzazione, che mira a riportare le dinamiche lavorative ai livelli precedenti alla pandemia. Mazzella ha anche affermato che, sebbene non ci sia una chiara volontà politica di far avanzare il disegno di legge, continuerà a lavorare per presentare nuovi emendamenti e ottenere ulteriori proroghe.

Regole dello smart working
Regole dello smart working

Il ritorno agli accordi individuali

In assenza di ulteriori proroghe, la fine di marzo segnerà il ritorno alla norma per coloro che hanno beneficiato dello smart working. D’ora in poi, la possibilità di lavorare da remoto sarà soggetta alla stipula di accordi individuali tra dipendenti e datori di lavoro.

Impostazioni privacy