Bonus per i single 2024, arriva un buon incentivo per chi abita da solo: basta un solo requisito

Susanna Bargiacchi

Un nuovo bonus per single 2024 con un incentivo che mette l’accento su chi abita da solo. Un solo requisito per fare domanda.

Bonus single 2024
Bonus single 2024

 

Mentre alcuni paesi come l’Irlanda hanno introdotto specifici bonus per coloro che vivono soli (“Living alone”), in Italia non esistono ancora sussidi direttamente mirati ai single. Esistono varie agevolazioni che possono essere richieste anche da coloro con un basso ISEE, riducendo così le spese fisse e variabili.

Per l’anno 2024 è utile comprendere quali bonus possono essere richiesti da chi vive da solo.

Bonus di 780 euro al mese per i single: come funziona

In Italia sono presenti misure assistenziali per coloro che vivono da soli, specialmente se in condizioni di salute precarie e con un basso ISEE. Tre dei principali bonus a disposizione dei single sono:

  • Assegno di inclusione: rivolto a coloro che si trovano in condizioni di fragilità senza possibilità di lavoro. Tuttavia, sostituisce il Reddito di Cittadinanza solo per alcune categorie.
  • Supporto per la formazione e il lavoro: destinato a coloro che sono disoccupati ma capaci di svolgere un’attività lavorativa. Questo programma offre formazione e competenze necessarie.
  • Assegno sociale: erogato al raggiungimento dei 67 anni di età.

Per i single con un unico reddito (basso), è possibile ottenere fino a 780 euro al mese.

Altri bonus per i single che vivono da soli

Oltre a queste misure, ci sono diverse altre agevolazioni che i single possono richiedere nel 2024, senza necessariamente bisogno di assistenza. Tra queste, ci sono il bonus affitto o mutuo per le spese mensili fisse, la Carta Risparmio Spesa per la spesa alimentare, il bonus bollette e agevolazioni sui trasporti pubblici.

Molti di questi bonus possono essere ottenuti anche dai single, poiché possiedono un solo reddito, rendendoli più accessibili rispetto ad altri programmi assistenziali.

Requisiti per i single con ISEE basso

I giovani dai 20 ai 30 anni che vivono da soli e hanno un ISEE basso possono essere ammessi al bonus affitto. Questo offre una detrazione IRPEF basata sul reddito familiare e una detrazione fiscale basata sullo scaglione di reddito.

Bonus per single
Bonus per single

 

Anche i liberi professionisti con partita IVA che utilizzano la loro casa anche come ufficio possono beneficiare del bonus affitto e bollette, con il 50% delle spese deducibili. Il bonus bollette è accessibile anche a coloro con un ISEE inferiore a 9.350 euro all’anno.

Inoltre, esiste il bonus mamme single, che può arrivare fino a 500 euro al mese, riservato alle donne senza lavoro o con un solo reddito, che hanno figli con una disabilità riconosciuta superiore al 60%. Infine, l’assegno di vedovanza è un sostegno economico erogato dall’INPS alle donne vedove senza lavoro a causa di inabilità o accompagnamento.

Impostazioni privacy