Non buttare l’acqua di scarico del condizionatore, ecco come puoi riutilizzarla per risparmiare

Chiara R

Sapevi che l’acqua di scarico del condizionatore può essere un bene davvero prezioso? Ecco come impiegarla al meglio.

Scarico dell'acqua condizionatore
Scarico dell’acqua condizionatore – Lafuriaumana.it

Negli ultimi tempi, sempre più famiglie italiane hanno optato per l’installazione di un condizionatore in casa. La maggior parte di loro lo utilizza per risolvere i problemi legati all’umidità nei propri appartamenti, ma ne vengono sfruttate appieno anche le funzioni di raffreddamento e riscaldamento. Nonostante il condizionatore non sia di certo associato all’ecologia e alla sostenibilità ambientale, esiste un modo per ridurre il suo impatto ambientale: il riutilizzo dell’acqua di scarico. Vediamo insieme per cosa può tornare davvero utile.

Acqua di scarico del condizionatore, perchè non buttarla

Se avete un condizionatore saprete benissimo che, dopo averlo messo in azione, questo lascerà fuoriuscire dalla canalina esterna, a piccole gocce, dell’acqua, la condensa che si forma mentre è in moto.

L’acqua di scarico del condizionatore è proprio il liquido che fuoriesce dal tubo di scarico del dispositivo posizionato all’esterno dell’abitazione.

Condizionatore in casa
Condizionatore in casa

Quest’acqua è molto simile a quella distillata e viene generalmente raccolta in taniche o contenitori appositi che, una volta riempiti, richiedono lo svuotamento. Tuttavia, anziché considerarla un semplice scarto, quest’acqua è una vera e propria risorsa che può rivelarsi estremamente utile e sostenibile.

Come usare l’acqua del condizionatore

I modi per riutilizzare l’acqua di scarico del condizionatore sono davvero moltissimi. Come prima cosa si può impiegare per il lavaggio dell’auto. Quest’acqua demineralizzata si rivela ideale per rimuovere lo sporco accumulato sul veicolo, evitando così lo spreco di acqua proveniente dal rubinetto e riducendo sensibilmente i depositi di calcare sia sui vetri che sulla carrozzeria.

Se siete appassionati di giardinaggio, avete un orto o delle piante in casa, quest’acqua può tranquillamente essere impiegata per l’irrigazione. Essendo priva di calcio, risulta benefica per le piante, contribuendo alla loro crescita senza accumulo di calcare.

Come già detto, l’acqua del condizionatore è davvero molto simile all’acqua distillata. Di conseguenza può essere usata senza problemi per riempire la caldaia del ferro da stiro, evitando il rischio di intasamenti causati dal calcare. Un modo per estendere l’uso di questa risorsa anche nelle faccende domestiche quotidiane e risparmiare sull’acquisto di una tanica di acqua distillata.

Taniche di acqua
Taniche di acqua

Ultimo ma non meno importante, l’acqua del condizionatore può diventare una riserva per le pulizie domestiche. Con un’approvvigionamento costante di acqua priva di calcare, sarà possibile lavare i pavimenti e pulire i vetri senza preoccuparsi degli effetti che il calcare potrà avere su vetri, pavimenti o piastrelle.

Il riutilizzo dell’acqua di scarico del condizionatore si presenta come una vera e propria opportunità per ridurre gli sprechi e contribuire a uno stile di vita più sostenibile. Con semplici gesti, è possibile trasformare quello che viene considerato uno scarto in una risorsa preziosa per diverse attività quotidiane, dimostrando che anche le azioni più piccole possono fare la differenza per l’ambiente.

Impostazioni privacy