Maternità, è in arrivo il sostegno mensile di 400 euro: i requisiti per fare richiesta

Emanuele De Angelis

Maternità, un importante aiuto economico sta per essere erogato sotto forma di un sostegno mensile di 400 euro: scopriamo insieme i requisiti necessari per fare richiesta e accedere a questo beneficio.

Maternità
Maternità – Lafuriaumana.it

La maternità, un desiderio profondo per molte donne, può scontrarsi con la dura realtà economica. Ogni famiglia aspira a fornire al proprio neonato tutto ciò di cui ha bisogno per crescere, ma le finanze possono rappresentare un ostacolo. Fortunatamente, esistono agevolazioni sia a livello nazionale che locale per alleviare questo peso.

Maternità: sostegno mensile di 400 euro

L’Assegno Unico è un contributo mensile erogato in seguito alla nascita di un figlio, calcolato in base a diverse variabili. Tuttavia, esiste un ulteriore sostegno economico: un assegno mensile di 400 euro dedicato alle neo mamme che non possono beneficiare di altre indennità di maternità.

Questo assegno, conosciuto anche come assegno di maternità di base o assegno di maternità comunale, è destinato a sostenere le madri che non possono accedere ad altre forme di indennità legate alla maternità. A differenza dell’Assegno Unico, l’accesso a questo beneficio dipende dal comune di residenza della madre, dove deve essere presentata l’apposita domanda.

Maternità
Maternità – Lafuriaumana.it

L’importo fisso è di 400 euro al mese, uniforme in tutti i comuni, ma soggetto ad adeguamenti annuali in base all’inflazione. Questo contributo viene erogato mensilmente per un massimo di cinque mesi. Secondo la circolare 40 del 29 febbraio 2024 dell’INPS, per l’anno in corso l’importo è stato confermato a 404,17 euro al mese, con un valore massimo dell’ISEE familiare di 20.221,13 euro. Questo sostegno non riguarda solo le nascite, ma anche gli affidamenti preadottivi e le adozioni senza affidamento avvenute nel corso del 2024.

È fondamentale sottolineare che l’assegno viene erogato per ogni figlio nato o adottato entro i sei anni di età e è rivolto alle madri disoccupate o lavoratrici che abbiano versato almeno tre mesi di contributi nell’arco di un anno, ma che non hanno accesso ad altre indennità di maternità.

Procedura di richiesta

Per ottenere questo beneficio, la madre deve presentare domanda presso il comune di residenza, seguendo le procedure e i requisiti specifici indicati nel regolamento comunale. È importante informarsi sulle scadenze e sui documenti necessari per evitare ritardi nella concessione dell’assegno.

Una volta approvata la domanda, l’assegno verrà erogato mensilmente per il periodo stabilito, contribuendo così a coprire le spese necessarie per la cura e la crescita del neonato. È consigliabile mantenere un contatto costante con gli uffici comunali per eventuali aggiornamenti o modifiche nella procedura di erogazione dell’assegno.

Impostazioni privacy