Tutti i falsi miti sulla raccolta differenziata: incredibile come nessuno lo sappia

Chiara R

La raccolta differenziata può non essere così semplice come si crede. Scopriamo insieme i falsi miti e come riciclare in modo adeguato.

Raccolta differenziata
Raccolta differenziata

La gestione responsabile dei rifiuti è diventata una pratica integrata nella nostra routine quotidiana: da tempo la raccolta differenziata è divenuta una consuetudine domestica fondamentale per tutelare l’ambiente e la biodiversità, consentendo il massimo riciclo dei materiali. Per raggiungere questo obiettivo, è essenziale che la raccolta differenziata venga eseguita con accuratezza, rispettando le regole di base.

Raccolta differenziata, dubbi e falsi miti

Nonostante possa sembrare ovvio, esistono anxcora moltissimi falsi miti, creando confusione su quali materiali smistare e su come farlo correttamente. Ecco alcuni dei miti più comuni e fuorvianti sulla raccolta differenziata, con l’obiettivo di apprendere come smaltire ogni rifiuto in modo appropriato per preservare effettivamente il nostro pianeta e le sue risorse. È consigliabile consultare le fonti ufficiali, come i consorzi di filiera come Corepla, Conai e Comieco, per eventuali dubbi sulla differenziazione dei materiali.

Uno degli equivoci più diffusi riguarda la necessità di lavare accuratamente i contenitori alimentari, in particolare quelli in plastica o vetro, prima di smistarli, altrimenti comprometterebbero il riciclo. In realtà, questa pratica è superflua: i residui non influenzano il processo di recupero e riciclo degli oggetti. Un semplice risciacquo è sufficiente per garantire che non ci siano residui evidenti.

La questione dei tappi di plastica spesso genera confusione, se debbano essere gettati insieme alla bottiglia o separati. La pratica corretta è lasciarli avvitati per evitare dispersioni ambientali che potrebbero danneggiare la fauna. Riguardo ai tappi non in plastica, la destinazione dipende dal comune: alcuni prevedono raccolte dedicate, altri li accettano nell’organico.

Come riciclare la carta?
Come riciclare la carta?

Si crede comunemente che i cartoni delle pizze non siano adatti al riciclo a causa dell’untuosità. In realtà se non sono eccessivamente sporchi possono essere smistati nella carta, altrimenti vanno nel generico. Se sono compostabili, vanno nell’umido.

Non si butta (quasi) mai dove credi

L’idea di dover rimuovere le etichette dai barattoli di vetro prima del riciclo è diffusa ma infondata: è compito dell’impianto separarle. È sufficiente rimuovere il tappo e sciacquare il contenitore.
Il vetro presenta spesso incertezze riguardo agli og getti da smaltire. Specchi, ceramica, lampadine e cristalli non sono considerati vetro puro e vanno quindi nell’indifferenziato. Lo stesso vale per i frammenti rotti, che potrebbero contenere sostanze incompatibili col riciclo del vetro.

Biro e pennarelli, pur essendo in plastica, non vanno gettati con essa a causa dell’inchiostro. Gli scontrini, realizzati con carta termica, non sono riciclabili e vanno nell’indifferenziato. La credenza che i rifiuti vengano mischiati comunque nei camion è diffusa ma errata: esistono mezzi strutturati per la raccolta differenziata che separano i materiali. Il corretto smistamento agevola anche il lavoro degli operatori, aumentando la percentuale di riciclo possibile.

Impostazioni privacy