Giugno e’ il mese della LGBTQ+, una storia che mai avresti pensato!

Alessandro DeAngelis

Giugno è il mese dell’orgoglio LGBTQ+, dai moti di Stonewall alle celebrazioni globali del Pride, la storia e l’importanza di questa ricorrenza.

Bandiera LGBTQ
Bandiera LGBTQ – Lafuriaumana.it

Immagina una notte calda di giugno nel 1969, a New York. Un bar chiamato Stonewall Inn diventa improvvisamente il fulcro di una ribellione che cambierà per sempre la storia dei diritti civili. Durante una retata della polizia, i clienti, stanchi delle vessazioni, decidono di resistere, scatenando i moti di Stonewall. Questa scintilla accende un movimento globale per i diritti LGBTQ+.

Gli eventi di quella notte non furono un caso isolato. Già prima, ci furono altre rivolte come quella al Cooper’s Donuts nel 1959 e al Compton’s Cafeteria nel 1966. Tuttavia, fu proprio Stonewall a segnare un punto di svolta. Gli attivisti, consapevoli dell’importanza di quella notte, decisero di commemorare l’evento con marce annuali. Così, nel 1970, nascono le prime celebrazioni del Pride a New York, Chicago, Los Angeles e San Francisco.

Dalla Protesta alla Celebrazione

Il Pride si diffuse rapidamente, non solo negli Stati Uniti, ma anche nel resto del mondo. Nel 1972, Londra organizzò il suo primo Pride, seguita da Sydney nel 1978. Oggi, le celebrazioni dell’orgoglio LGBTQ+ si tengono in città grandi e piccole, adattandosi alle specifiche condizioni locali. Ad esempio, Palm Springs celebra il Pride a novembre per evitare il caldo estivo.

Anche i presidenti degli Stati Uniti hanno giocato un ruolo importante nel riconoscimento del Pride Month. Bill Clinton fu il primo a proclamare ufficialmente giugno come mese dell’orgoglio LGBTQ+ nel 1999, seguito da Barack Obama nel 2009 e da Joe Biden nel 2021.

L’espansione del Pride ha portato alla nascita di eventi specifici come le Dyke Marches e i Black Pride, che sottolineano l’importanza dell’inclusività all’interno della comunità LGBTQ+. Questi eventi sono nati dalla necessità di rappresentare tutte le sfaccettature della comunità e di dare voce a gruppi spesso marginalizzati anche all’interno del movimento stesso.

Bandiera Pride
Bandiera Pride – Lafuriaumana.it

L’importanza del Pride

Non è solo una parata colorata. È un momento per ricordare le battaglie combattute e quelle ancora in corso. Nonostante le sfide come l’epidemia di AIDS e la pandemia di COVID-19, il movimento ha dimostrato una resilienza straordinaria. Le discussioni sulla sponsorizzazione aziendale e la partecipazione della polizia riflettono la complessità di un movimento in continua evoluzione. Al cuore del Pride c’è la celebrazione della libertà di essere se stessi, sostenuta da attivisti veterani e nuove generazioni di combattenti per i diritti civili.

Oggi, il Pride è un simbolo globale di inclusività e accettazione. Eventi come le Dyke Marches e i Black Pride sottolineano l’importanza di rappresentare tutte le sfaccettature della comunità LGBTQ+. I presidenti degli Stati Uniti, da Bill Clinton a Joe Biden, hanno riconosciuto ufficialmente giugno come il mese del Pride, confermando l’importanza di questa celebrazione nella cultura americana.

Ogni anno, giugno ci ricorda quanto lontano siamo arrivati, ma anche quanto resta ancora da fare per garantire l’uguaglianza e i diritti per tutti.

 

Impostazioni privacy