Pensione anticipata a 58 anni, forse non lo sai ma ora è possibile: ecco come devi fare

Daniela Paolucci

Ecco un modo per accedere alla pensione anticipata già a 58 anni, una possibilità di cui potresti non essere a conoscenza: scopri come puoi farlo e quali sono i passaggi necessari per ottenere questo beneficio.

Pensione anticipata a 58 anni
Pensione anticipata a 58 anni

Sebbene la legge Fornero sia ancora in vigore, il panorama delle pensioni in Italia sta gradualmente mutando, aprendo varchi per chi desidera abbandonare il mondo del lavoro prima dei 67 anni previsti dalla suddetta legge. Sebbene l’abolizione della Fornero sia ancora un obiettivo in discussione nel dibattito politico, esistono già alcune misure che consentono di accedere alla pensione anticipata, benché con condizioni specifiche e requisiti da soddisfare.

Pensione anticipata a 58 anni

Il tema della riforma delle pensioni è da anni al centro del dibattito politico e sociale in Italia. La legge Fornero, varata nel 2011 durante il governo Monti, ha introdotto significativi cambiamenti nel sistema previdenziale, aumentando l’età pensionabile e rendendo più rigorosi i requisiti per accedere alla pensione di vecchiaia. Ma negli anni successivi, si sono levate numerose voci contrarie alla Fornero, che ne criticavano l’impatto soprattutto sui lavoratori più anziani e sulla disoccupazione giovanile.

Inps pensione 58 anni
Inps pensione 58 anni

Nonostante la legge Fornero resti ancora in vigore, esistono già alcune vie d’uscita che consentono di accedere alla pensione prima dei 67 anni stabiliti. Una delle opzioni principali è rappresentata dal prepensionamento, che consente di lasciare il lavoro prima dell’età pensionabile prevista dalla Fornero, pur rispettando determinati requisiti e condizioni.

Le categorie privilegiate: militari e donne

Tra le categorie privilegiate che possono accedere alla pensione anticipata spiccano i militari e le donne. Nel caso dei militari, essi non sono soggetti alla legge Fornero e possono accedere alla pensione dopo aver raggiunto i 35 anni di contributi, senza dover attendere i 67 anni previsti dalla normativa generale. Questa possibilità rappresenta un’opportunità significativa per coloro che hanno dedicato una vita alla difesa della nazione.

Per le donne, invece, esiste l’Opzione donna, una misura introdotta nel 2004 durante il secondo governo Berlusconi, che consente l’accesso alla pensione a 61 anni. Ma le donne con almeno due figli possono anticipare l’uscita dal lavoro a 59 anni, purché abbiano accumulato almeno 35 anni di contributi. Sebbene questa opzione consenta un’uscita anticipata dal mondo del lavoro, è importante notare che potrebbe comportare un calo dell’assegno pensionistico, in quanto l’importo viene calcolato con il sistema contributivo.

Sebbene la legge Fornero sia ancora in vigore, esistono già delle alternative che consentono di accedere alla pensione anticipata, se si rientra in determinate categorie o si soddisfano specifici requisiti. Ma è importante valutare attentamente le implicazioni finanziarie e previdenziali di una scelta del genere, in quanto potrebbero influenzare il proprio tenore di vita e la sicurezza economica nel futuro. Inoltre, è auspicabile che il dibattito politico continui a proporre soluzioni per migliorare il sistema pensionistico italiano, garantendo equità e sostenibilità a lungo termine.

Impostazioni privacy